Maneskin

Tutti i casting, un video al giorno / Alessandra
11 maggio 2018
Tutti i casting, un video al giorno / Giulia
11 maggio 2018

Il trucco c’è e si vede. Come non succedeva da tempo.
Ma oltre alla cura attentissima del look, stavolta c’è molto di più.
Perché i Maneskin sembrano davvero degli alieni arrivati da un altro pianeta.

tratto da IperSoap Magazine n. 5 maggio 2018 p. 62, di Santo Pirrotta

A “X Factor”, anche se poi il talent non l’hanno vinto, si sono fatti notare eccome. Tanto che in pochissime settimane sono diventati la band più amata in Italia. Irriverenti, eccentrici, con uno stile potente e unico scrivono e cantano in inglese e rappresentano il gruppo più internazionale che ci sia sul mercato. La band romana è una vera novità nel panorama pop italiano. Il loro sound è un mix di indie rock, raggae, pop, mescolato con la vocalità soul del frontman Damiano. Bello e dannato, ha 19 anni e sa di essere molto amato: “Piaccio? Non so perché, ma è così, e me la godo”, ammette spavaldo. Su Instagram, dove ha un account seguitissimo, si mostra spesso senza veli, senza disdegnare i tacchi a spillo, un po’ angelo è un po’ demone, tra tatuaggi e provocazioni, che ci spiega così: “Il mio nickname Ykaar sui social richiama ad Icaro, ho la fissa per l’iconografia delle ali
e mi piace puntare in alto, ma allo stesso tempo mi ricorda che come Icaro devo stare attento a non avvicinarmi troppo al sole e perdere le ali”. Già, i piedi per terra. Quelli che il frontman, Victoria al basso (17 anni), Thomas alla chitarra ed Ethan alla batteria giurano di tenere (16 e 17 anni, ndr). “Abbiamo deciso di tornare a suonare subito dopo la tv – ci raccontano – perché la cosa più importante è il contatto con il pubblico. Però abbiamo scelto posti piccoli, vogliamo imparare il mestiere”. Un tour che è già sold out, prima del disco che uscirà a ottobre e a cui lavoreranno questa estate: “Prenderemo il sole e lavoreremo al nuovo album, non faremo più cover, così in autunno porteremo noi stessi sul palco.

Siamo alla ricerca di un autentico suono Maneskin, noi siamo noi e non vogliamo somigliare a questo o quell’artista”. L’album conterrà canzoni anche in italiano, anticipato dal singolo “Morirò da re”, il loro primo brano in madrelingua. Dopo aver scalato le classifiche con il loro primo inedito “Chosen”, certificato disco di platino, che ha raggiunto milioni di streaming e di visualizzazioni, i Maneskin hanno presentato presentano per la prima volta live durante un concerto a Milano la nuova canzone: “È nata dall’esigenza di raccontarci non solo in inglese, sappiamo destreggiarci in entrambe le lingue senza abbassare il livello del prodotto. Il brano è un inno alla redenzione. Dal male può nascere il bene. Noi portiamo un messaggio: ‘siate sicuri di voi stessi e portate sempre avanti quello in cui credete’, non ci arrendiamo, non ci facciamo spaventare, nonostante qualcuno giudichi questa sicurezza come arroganza”. Tanto che confessano: “Siamo terribilmente capricciosi: non con gli altri, con noi stessi”. Tra 50 anni si vedono ancora “sul palco, a suonare con i leggings o i pantaloni di pelle super skinny tipo Mick Jagger. Ancora sciolti e snodati. Ancora insieme”. E pensare che Damiano era una persona diversa: “Portavo i capelli corti e precisi, giocavo a basket, non cantavo. Poi, la rivoluzione: merito di un gruppo di amici matti, che mi ha spronato a essere come mi pare: all’inizio mi nascondevo per evitare i commenti gratuiti che mi mettevano ansia. A un certo punto ho capito: a doversi nascondere è chi mi urla certe cose”. E non si nascondono di certo nel nuovo video che mostra il gruppo in una roulotte alle prese con immaginari circensi e nuovi contrasti tra bene e male. Un’ambizione visiva che i Maneskin intendono portare avanti nel tour autunnale, i cui biglietti sono stati polverizzati in poche ore, che partirà il 10 novembre da Senigallia (Ancona) e li porterà in giro tra venue più’ grandi: “Sarà un tour molto diverso per allestimento e scaletta – anticipa Damiano – la nostra vera dimensione è il palco”. In autunno la band passerà da Padova (15/11), Bologna (17/11), Milano (24/11), Bari (30/11), Napoli (1/12), Brescia (6/12), Venaria Reale (9/12), Firenze (12/12) e Roma (15/12).

BIOGRAFIA – I Maneskin sono un gruppo romano composto da quattro ragazzi tra i 17 e i 19 anni: Damiano (cantante), Victoria (bassista), Thomas (chitarrista) ed Ethan (batterista). Il nome viene dal danese, paese d’origine della bassista, e significa “chiaro di luna”. Alcuni dei componenti si conoscono fin dai tempi delle medie, ma è solo nel 2015 che i ragazzi iniziano a suonare insieme. Il sound della band è caratterizzato dalle diverse influenze musicali dei membri: un mix di rock, rap/hip hop, reggae, funky e pop, il tutto tenuto insieme dalla voce soul di Damiano, frontman del gruppo. Tutto ciò si rispecchia anche nel look della band, grazie al loro gusto ricercato che caratterizza lo stile di ogni membro.
Durante i live show di XFactor 11, i giovani artisti hanno avuto modo di distinguersi e di colpire l’immaginario del pubblico, mostrando un’insolita padronanza del palco, estremamente notevole vista la giovanissima età. “Chosen”, il loro primo inedito, presentato durante il programma, conta milioni di streaming e visualizzazioni ed è stato certificato platino. Le immagini del videoclip, ambientato nel corridoio di un albergo, sono un omaggio all’iconografia rock più famosa: groupies, immagini esplicite, baci saffici, nudo e molto altro. “Chosen” è anche il nome dell’EP di debutto, edito a dicembre 2017 da Sony Music e prodotto da Lucio Fabbri, che è stato certificato platino a due mesi dall’uscita. La band ha registrato sold out in poche ore in tutte le 21 date del primo tour (febbraio/aprile 2018).
Il 23 marzo è uscito il nuovo singolo “Morirò da Re” che anticipa il nuovo album e la tournée autunnale.

Clicca la freccia qui sotto per scaricare il pdf del magazine