Esami di maturità
maturità cover

ESAMI DI MATURITÀ

È l’esame più temuto di sempre da generazioni di studenti. Molti di coloro che lo hanno già sostenuto ancora se lo sognano
nelle notti agitate e quelli che ancora lo devono sostenerlo attendono con un ansia che cresce sempre di più,
dal primo giorno dell’ultimo anno di scuola..

 

tratto da IperSoap Magazine n. 6 giugno 2019 p. 36, a cura di  Lara Venè

 

Anche quest’anno ci siamo. E centinaia di studenti italiani dovranno fare i conti con quelle stesse emozioni e paure che hanno accompagnato i loro predecessori. Ore di ripassi pazzi sui libri, messaggi di solidarietà tra compagni di classe, i sogni del cosa farò quando sarà tutto finito, sono le vigilie tormentate dei maturandi in vista del diploma che li congederà definitivamente dalla scuola. Per molti non dallo studio, ma dalla scuola si. L’esame di maturità di quest’anno arriva con qualche novità. Colpa o merito della Buona scuola, il ministero ha introdotto modifiche  alle prove, soprattutto alle modalità degli esami. Eliminata la terza prova (il cosidetto quizzone) e orale senza tesina.

La campanella per la maturità 2019 suonerà mercoledi 19 giugno quando quasi 500.000 studenti saranno chiamati a svolgere la prima prova d’esame. È quella dello scritto d’italiano, sarà uguale per tutti i maturandi, indipendentemente dall’indirizzo di studio e andrà scelta tra tre tipologie di tracce tra quelle messe a disposizione dal Miur, da svolgere in un massimo di sei ore con il solo aiuto del vocabolario d’italiano. Tra i temi della prima prova ci saranno due analisi del testo, tre tracce per il testo argomentativo e due tracce del tema d’attualità.

Giovedi 20 giugno secondo appuntamento con la seconda prova scritta muldisciplinare, con due materie tra quelle dell’indirizzo di studio. Latino e greco al liceo classico, matematica e fisica allo scientifico, Scienze Umane, diritto e filosfia politica per il Liceo Scienze umane, matematica e fisica al Liceo scienze applicate; Discipline progettuali, architettura e ambiente per il Liceo artistico; Teoria, analisi e Composizione per il Liceo Musicale; tecniche della Danza per il Liceo Coreutico; Lingua e cultura straniera al Liceo linguistico; discipline turistiche e aziendali e inglese al all’Istituto tecnico e turismo; Informatica e sistemi e Reti all’Istituto tecnico informatico; Scienza degli alimenti, Laboratorio di servizi enogastronomici all’Istituto Professionale enogastronomia.

Infine l’orale. Senza tesina. Quest’anno l’esame orale partirà da un argomento che verrà sorteggiato all’inizio del colloquio dal candidato stesso. Lo studente avrà a disposizione tre buste contenenti ognuna l’argomento da cui iniziare il colloquio. Chi ha scelto i contenuti delle buste? Lo ha fatto la commissione d’esame che ha selezionato un elenco di temi. E questi saranno quelli contenuti nelle buste chiuse che dovranno scegliere gli studenti quando si siederanno davanti alla Commissione d’esame il giorno dell’orale. Durante l’esame orale i candidati dovranno anche presentare la relazione sulle attività condotte durante il percorso di studi, come l’alternanza scuola lavoro, e rispondere alle domande di educazione civica.

All’orale “Cittadinanaza e Costituzione”

La prova orale del nuovo esame di maturità “accerterà anche le conoscenze e le competenze maturate nell’ambito delle attività di Cittadinanza e Costituzione”. E anche questa è una novità. Non si tratta di una vera e propria materia a parte, ma contiene elementi trasversali a molte materie, dalla storia all’italiano, dal diritto alla filosofia. Alla base ci sta la volontà di risvegliare il senso civico degli studenti di educandoli al rispetto verso gli altri e verso le istituzioni.

Le simulazioni

I maturandi di quest’anno arriveranno più consapevoli all’appuntamento della maturità. Perchè hanno già affrontato le simulazioni degli esami veri che dovranno superare. Per sostenere studenti e docenti nella preparazione e nello svolgimento del nuovo esame al suo battesimo quest’anno, il Miur ha infatti organizzato le simulazioni delle prove.

Il voto e il Supplemento Europass

Alla fine, il voto. Sarà in centesimi. Con il diploma, come negli anni scorsi, gli studenti riceveranno anche il loro Supplemento Europass, quel documento riconosciuto nell’Unione Europea che contiene una serie di informazioni, che vanno dal percorso ufficiale compiuto dallo studente per acquisire il diploma, al corrispondente livello EQF (European Qualifications Framework) e le attività professionali cui il diplomato potrebbe accedere, anche in contesti di mobilità transnazionale. Gli studenti che conquisteranno una votazione di 100 e lode all’esame di stato avranno diritto a una collocazione nell’Albo nazionale delle eccellenze. Gli studenti meritevoli, oltre all’inserimento nell’Albo delle eccellenze, avranno diritto ad un premio in denaro e non saranno sottoposti ad alcun regime fiscale. La votazione 100 e lode permetterà anche agevolazioni per il proseguimento degli studi, permetterà agevolazioni per chi si iscrive ai corsi a numero chiuso, agevolazioni sulle tasse universitarie e rimborsi dei contributi per i test d’ingresso. Con l’esame di maturità si chiude un ciclo scolastico lungo e formativo. Importante non solo per lo studio, ma anche per le relazioni, le amicizie e gli affetti. Non si sa se si è davvero maturi, ma un capitolo si chiude, si inizia un altro cammino e sarà un’altra storia.

 

0 0 voti
Article Rating
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti