Freddo e gelo non vi temo. Come avere un prato verde nonostante l’inverno.

Freddo e gelo non vi temo. Come avere
un prato verde nonostante l’inverno.

 

Novembre è il mese in cui farà capolino il primo vero freddo. Ecco che la preparazione
contro le temperature prossime – o sotto – allo zero è importante. Anzi, è questa l’unica arma
vincente per far sopravvivere il giardino a tutto l’inverno e avvantaggiarsi.

 

tratto da IperSoap Magazine n. 11 novembre 2019 p. 68, a cura di  Tiziano Baldi Galleni

 

 

Potrete pensare che, essendo il manto erboso in uno stato vegetativo rallentato, tutto possa essere lasciato al caso. Non è così. Quello che farete ora vale quanto quello che farete a primavere o in estate (annacquando e passando con il tosaerba) per avere un giardino sempre al top. Ebbene sì, perché altrimenti quando arriverà la bella stagione vi ritroverete con un giardino a metà, distrutto dal freddo. In alcune zone d’Italia non sarà raro vedere prati innevati, bianchissimi, o perlomeno alzarsi la mattina e trovare la brinata che gela l’erba.
Per prima cosa vanno tolte le foglie che cadranno nel periodo autunnale. Potrete rastrellarle, così da togliere qualsiasi altra cosa. Foglie e aghi di pino sono deleteri per il prato: fanno da tappo, riducendo l’assorbimento della luce e lo scambio gassoso. Dunque questa prima pulizia è importantissima. Per farlo efficacemente consigliamo l’utilizzo del rastrello a ragno o del soffiatore. Per aumentare il ventaglio di luce che prende il manto assicuratevi inoltre che gli arbusti del giardino siano stati potati. Meno ombra c’è, nel periodo dell’anno in cui le giornate sono più corte, meglio è.

 

concine_

 

Passiamo allo stato di salute del terreno. C’è chi consiglia, proprio nel mese di novembre, di distribuire carbonato di calcio sul manto erboso.
Con lo scopo di apportare calcio e quindi invertire lo stato di acidità naturale del suolo. Per fare le cose correttamente è indicata però un’analisi del pH del terreno, per sapere con precisione il grado di acidità o alcalinità (Il pH dovrebbe essere neutro, cioè pari a 7, o appena acido tra 5,5 e 6,5). C’è infine da fare attenzione all’altezza media dell’erba. Non fatela crescere oltre i 9 centimetri. Ma l’altezza dovrà essere un po’ maggiore rispetto a quella adatta per l’estate e la primavera. Si stima intorno ai 6 cm per un prato di festuca arundinacea. Con i fili dell’erba più alti il manto sarà più robusto, producendo più energia, e capace di sopportare le temperature invernali. Ultima chicca quando cadrà la neve: calpestate il meno possibile il prato.

prato_

 

0 0 voti
Article Rating
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti