Fiorello

Fiorello

 

Nonostante sia il re degli showman, l’uomo che tutte le televisioni
vogliono, l’artista da cui tutti vogliono andare ospiti,
Fiorello, all’anagrafe Rosario Tindaro, non ha ancora fatto pace
con le sue paure.

 

tratto da IperSoap Magazine n. 9 settembre 2019 p. 41, a cura di  Cloe D. Betti

 

 

Teme il giudizio degli altri, i titoli dei giornali, i gossip sul web, gli haters sui social, con la differenza che tempo fa faceva finta di non averne paura, ora invece lo dichiara serenamente. Al punto che dopo l’annuncio del suo ritorno in tv da parte dei vertici Rai, ha subito postato un video sul suo profilo Instagram, in cui ha confessato di sperare che andasse tutto a monte. «Siamo pronti per questa avventura che mi ha fatto dire
tante volte: chi me lo ha fatto fare? A volte confido nel fatto che i vertici Rai possano saltare, così il programma salta…». Ma stavolta non salterà. In autunno Fiorello sarà la superstar della tv di Stato, che lo aspetta a braccia aperte, anche se stavolta non passerà dal tradizionale varietà di prima serata, ma si infilerà nelle pieghe del web, là dove si annida Raiplay, la tv via Internet di Viale Mazzini. Basterà scaricare la app, attendere il 4 novembre e Fiorello spunterà con un nuovo programma, ancora tutto da costruire.

 

fiore2_

 

Certamente saranno diciotto show live, preceduti da cinque serate in onda nell’access su Rai1, alle 20.30 subito dopo il Tg1. Puntate che serviranno a lanciare il programma via web che al momento porta il nome di “Viva Raiplay”, rievocazione del storico programma “Viva Radiodue” che Fiorello ha condotto per otto edizioni tra il 2001 e il 2008 con Marco Baldini. «Il progetto che abbiamo condiviso con Fiorello è unico a livello mondiale», ha sottolineato l’amministratore delegato Rai, Fabrizio Salini, che ha lasciato allo showman tutte le porte aperte, ma puntando a una nuova idea di tv. Non più quella classica solo generalista di Raiuno, ma una nuova strada che strizza l’occhio a Netflix e lascia indietro anche il satellite di Sky, in pratica l’unica tv che Fiorello non aveva ancora tentato. Ma proprio per le sue ansie da prestazione, lo showman siciliano ha faticato ad accettare, spaventato soprattutto dalla politica che “corrode” dall’interno una tv come la Rai. «Credo che il male della Rai sia la politica, ho parlato con diversi dirigenti che mi dicevano di non poterne più di non poter iniziare un progetto che poi si fermava – ha confessato Fiorello – Come può funzionare se cambiano di continuo i vertici? Così un’azienda non può crescere e ti credo che restano gli stessi programmi. Se inizi a lavorare e non hai più gli stessi interlocutori che fai? Stavo per tornare a fare varietà, parlavo col direttore generale Mario Orfeo e con quello di Rai1 Angelo Teodoli. Poi è cambiato tutto. Ora si ricomincia». E Fiorello ricomincia ancora una volta, da quella tv a cui negli ultimi anno ha anteposto le dirette Facebook e Instagram, là dove non esistono punti di share o possibili flop.

 

fiore_

 

«Voglio fare il mio lavoro e impegnarmi per l’azienda, ci ho lavorato tanto, la sento davvero “mamma Rai” – ha sottolineato – Corro anche il rischio di sbagliare, a tentoni, ma di smuovere le acque. Grazie a Dio c’è ancora attenzione su di me. Ho voglia di cercare nuovi stimoli: il varietà con lo smoking, il papillon e la scrittona “Fiorello” alle spalle l’ho già fatto». L’ha fatto su Raiuno, conquistando pubblico e stampa ai tempi del suo celebre “Stasera pago io”, andato in onda per tre edizioni tra il 2001 e il 2004. Era un’altra epoca, non esistevano i canali digitali, le tv via streaming erano di là da venire, le App un nome sconosciuto e Fiorello portava su Raiuno milioni di spettatori, numeri che oggi sarebbe impossibile radunare davanti a un solo schermo. Armato di cellulare lo showman continua a postare i video dai suoi profili social, invitando tutti a scaricare la app di Rai play, mostrando il work in progress per l’imminente ritorno, raccontando le sue vacanze, in attesa di un nuovo inizio. A 59 anni, il suo sessantesimo compleanno scatterà il prossimo 16 maggio, Fiorello è tornato un principiante.
Ma con un passato già scarico di esperienze.

 

0 0 vota
Article Rating
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti