Cucina Piemontese

Cucina Piemontese

 

di  Virginia Torriani

La cucina piemontese offre una ricca varietà di piatti dai sapori gustosi, fortemente caratterizzati dalle tradizioni culinarie della corte dei Savoia e dalle abitudini gastronomiche delle classi contadine. Ecco le tre ricette piemontesi che dovreste assolutamente provare.

Agnolotti piemontesi

Un primo piatto ricco che si presta a diversi condimenti. Si può anche preparare in anticipo e congelare per essere poi cucinato sul momento.

agnolotti piemontesi
Ingredienti per 6 persone:

3 cipolle

3 gambi di sedano

rosmarino q.b.

3 cucchiai di olio d’oliva extra vergine

900 g di carne di vitellone o di manzo

1 pezzo di carne di maiale nel taglio detto coppa

800 g di verdure verdi in foglie, come spinaci, bietoline o borragini

brodo di carne q.b.

1 kg di farina

2 manciate di parmigiano reggiano grattugiato

semola q.b.

3 carote

3 spicchi di aglio

2 noci di burro

2 bicchieri di vino rosso di ottima qualità

noce moscata q.b.

sale e pepe q.b.

16 uova

 

Procedimento

Pulite le verdure per il soffritto (sedano, carote cipolle, aglio e gli aghi del rosmarino), lavatele e tritatele finemente. Mettetele in una casseruola con una noce di burro e l’olio, cuocete a fuoco moderato mescolando e bagnando con un po’ di acqua di tanto in tanto.

Nel frattempo portate ad ebollizione il vino rosso, fatelo bollire per 5 minuti e tenetelo da parte.  Gettate i pezzi di carne nel soffritto e fate rosolare a fuoco vivace rigirandoli e bagnandoli con il vino, Salate e pepate, coprite a filo di brodo e fate cuocere a fuoco moderato per un’ora e mezza circa, bagnando con altro brodo se necessario.

Pulite e lavate le verdure, e fatele cuocere con una noce di burro e un pochino di sale. Mettetele poi a raffreddare in uno scolapasta. Preparate intanto la pasta con la farina, le uova e un pizzico di sale. Lavoratela a lungo e poi fatela riposare almeno un’oretta coprendola con un canovaccio.

Unite la carne e le verdure ben scolate in una ciotola. Passate la carne e le verdure al tritacarne. Aggiungete al trito il parmigiano, del sale, la noce moscata e un po’ di pepe. Unite al ripieno 4 uova. Mescolate il composto, aggiustatelo di sale. Il ripieno degli agnolotti è pronto.

Stendete quindi la pasta, riempitela con un cucchiaino di ripieno, richiudete con altra sfoglia. Tagliate ogni agnolotto con l’apposita rondella dentellata, dando forma quadrata a ogni raviolo. Deponete gli agnolotti su una spianatoia spolverata con semola o su un vassoio coperto da uno strofinaccio e spolverato con la semola. Cuocete gli agnolotti in abbondante acqua salata e conditeli a piacere.

 

Bagna Cauda

La bagna Cauda o Caoda è un piatto tipico piemontese a base di aglio e acciughe, un condimento che accompagna la verdura di stagione cruda o al vapore.

 

bagna cauda

 

Ingredienti: 

1 testa di aglio a persona

1 acciuga a persona
1 bicchiere di latte
olio di oliva

 

Preparazione:

Preparate l’aglio: togliete il germoglio e tagliate ogni spicchio a fettine molto sottili, mettetelo in un tegame con il burro e fatelo andare a fuoco molto basso fino a che non si sarà sciolto. Aggiungete l’olio in cui avrete amalgamato le acciughe tagliate a pezzetti. Continuate la cottura sempre a fuoco basso, fino ad ottenere una salsina omogenea di colore marrone chiaro. Per terminare la salsa si è soliti strapazzare, all’interno del tegamino, delle uova fresche.

 

Brasato al Barolo

Un secondo ricco adatto ai grandi pranzi delle Feste.

 

brasato

Ingredienti per 4 persone

1 kg e 200 g di polpa di manzo

750 ml di Barolo

40 g di burro

1 costa di sedano

1 cipolla

2 carote

1 foglia di alloro

4 chiodi di garofano

5 bacche di ginepro

2 foglie di salvia

3 cucchiai di olio

30 g di lardo

sale

pepe

 

Procedimento

Pulite e tagliate il sedano e la carota in pezzi grossolani. Pelate la cipolla e steccatela con i chiodi di garofano. Lavate e asciugate le erbe aromatiche. Mettete la carne in un recipiente, unite le verdure, gli aromi e il vino. Coprite con della pellicola e lasciate in frigo a marinare per almeno 6 ore (meglio una notte). Sgocciolate la carne dalla marinatura, asciugatela con della carta da cucina e fatela rosolare in maniera uniforme in un tegame dove avrete scaldato olio, burro e lardo tritato. Togliete dalla marinatura cipolla, chiodi di garofano e alloro quindi aggiungete alla carne il vino insieme alle verdure e agli aromi rimasti. Salate e pepate, continuando la cottura a fuoco basso col tegame coperto per circa due ore. Ultimata la cottura togliete la carne dal tegame, fatela raffreddare e tagliatela a fette. Passate il fondo di cottura al mixer. Se necessario fatelo addensare un po’ sul fuoco. Versatelo caldo sulla carne e servite. Per dare un gusto ancora più particolare potete unire una punta di cacao al fondo di cottura prima di versarlo sulla carne.

 

 

 

0 0 voti
Article Rating
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
gdpr-image
Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web, i nostri servizi e per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Leggi di più