La tradizionale e meravigliosa fioritura dei Ciliegi in Giappone
ciliegi_cover

Giappone e la fioritura dei ciliegi

 

di  Virginia Torriani

Un viaggio nel lontano Giappone per ammirare la straordinaria fioritura dei ciliegi.

L’ evento è molto sentito, tanto da far parte di una vera e propria tradizione millenaria nel paese del Sol Levante.

L’ hanami – questo il nome tradizionale, che letteralmente significa “guardare i fiori” – consiste nel rituale di ammirazione di una bellezza magnifica e tuttavia momentanea, che sparisce dopo poche settimane: i fiori di ciliegio, sakura, con la loro delicatezza e la brevità della loro esistenza sono per i giapponesi il simbolo della fragilità e al contempo della rinascita della vita.

 

fioritura_ciliegi

 

Per la precisione esistono più di 600 varietà d’albero sakura. I fiori variano per colorazione – dal bianco candido al rosa via via più carico, passando per il ciclamino fino ad arrivare ad un rosso carminio molto impressionante e vivido – e numero di petali – dai 5 delle varietà più diffuse alla ventina di petali per la varietà Ichiyo, fino a raggiungere il centinaio di petali per fiore con i Kikuzakura.

Per prendere parte all’hanami i giapponesi si spostano dalle loro città verso le circa sessanta località più famose dove assistere a questo spettacolo della natura; si tratta di migrazioni di milioni di persone, cui si aggiungono migliaia di turisti. Per non sbagliare il periodo e cogliere il momento perfetto – che cambia a seconda dei luoghi e delle annate – vengono fatte delle vere e proprie previsioni della fioritura, che, un po’ come fanno le previsioni metereologiche per il tempo atmosferico, consentono di sapere in anticipo quando inizia e quanto dura la fioritura degli alberi. Lo spettacolo dei sakura in fiore occupa gran parte della primavera e in Giappone si può ammirare da inizio aprile (nel sud dell’isola di Honshu) fino a metà maggio (nella settentrionale Hokkaido).

 

fioritura_

 

Il rituale prevede che la contemplazione delle piante avvenga mentre si consuma un sostanzioso picnic: di solito viene usato un telo impermeabile di colore azzurro o blu da stendere a terra e vengono consumati alimenti tipici per l’occasione, come ad esempio gli Hanami-Dango o i Sakura-Mochi, che si trovano anche già pronti e confezionati nei supermercati.

 

picnic_

 

Lo spettacolo si protrae per tutto il giorno e anche la sera: una volta calato il sole, l’hanami si trasforma in yozakura, quando vengono accese lucine decorative e lanterne, entrambe appese poi ai rami dei sakura.

Ogni località ha le proprie usanze tipiche per l’hanami.

A Tokyo, dove la fioritura arriva fra fine marzo e inizio aprile, si festeggia tradizionalmente nel parco Ueno Onshi, decorato da migliaia di ciliegi giovani e antichi, ma la fioritura si può ammirare anche al Shinjuku-Gyoen National Garden, dove si tiene uno degli hanami party più belli del Giappone.

 

ciliegi_

 

Il momento della fioritura può essere apprezzato in modo più contemplativo nella zona del Monte Fuji, dove è possibile ammirare vedute maestose e vallate fiorite abbinate allo spettacolo del Fuji Shibazakura, “muschio rosa”, che cresce ai piedi del monte.

A Kyoto i ciliegi in fiore si snodano persino tra i templi, con la loro secolare tradizione di hanami ai margini della giungla: una delle vedute migliori è quella presso il Kinkaku-Ji, splendido tempio buddista zen, noto anche come Padiglione d’Oro perché ricoperto di foglie d’oro.

Hirosaki, città del Giappone settentrionale, ospita invece un parco con più di 2500 alberi piantati a formare aree alberate, viali e tunnel, riviere dei canali. Il parco è attrezzato con aree picnic e piccole imbarcazioni ed è uno dei luoghi più romantici e incantevoli in cui trascorrere i giorni dell’hanami durante il celebre Hirosaki Sakura-matsuri, il Festival della Fioritura dei Ciliegi.

 


5 1 vota
Article Rating
Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
fantoschio
fantoschio
15 Aprile 2021 16:16

beelisimo