Operazione “detox”, come liberare l'organismo dalle tossine

Operazione Detox

 

di Virginia Torriani

 

L’avvicinarsi dell’estate richiama ogni donna (ma anche sempre più uomini) a dedicare qualche attenzione in più alla linea. Generalmente si dà il via a una vera e propria operazione “detox”, ovvero quell’insieme di azioni volte a liberare l’organismo dalle tossine, sgonfiare il corpo e avere una pelle più fresca e luminosa.

 

 

La buona notizia è che per rimettersi in riga non serve adottare “regimi punitivi” a lungo termine, ma basta qualche giorno di piccole rinunce a tavola da compensare con alcune coccole in più per sé stesse. Così, mentre si consulta il proprio medico prima di intraprendere un nuovo regime dietetico (anche se si tratta di diete brevi è sempre meglio rivolgersi a uno specialista), si può iniziare a ritagliarsi una mezz’ora al giorno per fare una passeggiata all’aria aperta e, ancora, dedicarsi un po’ di attenzioni in più durante la routine sotto la doccia, scegliendo un buon esfoliante da utilizzare prima del bagno e, dopo, una ricca crema idratante.

 

 

L’operazione detox a tavola può essere anche davvero “lampo”: un solo giorno di “digiuno terapeutico”, in cui per sole 24 ore ci si può nutrire esclusivamente di centrifugati di verdure e frutta ed acqua. Passata la giornata si torna quindi a seguire un regime alimentare completo. La strategia, spiegano esperti nutrizionisti, è indicata una tantumnon più di una volta ogni 2 settimane – per dare una svegliata all’organismo e accelerare il metabolismo.

 

 

Un altro approccio alla depurazione prevede tre giorni di dieta disintossicante alla settimana, per un mese. Nei 3 giorni detox è possibile comporre il proprio menu prevedendo alimenti dalle proprietà spiccatamente disintossicanti come cereali integrali, verdure, legumi e frutta. Anche in questo caso l’obiettivo è eliminare le tossine in eccesso dopo un periodo di alimentazione disordinata.

Alcuni alimenti sono veri e propri alleati della remise en forme. Tra la frutta vantano proprietà drenanti l’anguria e l’ananas mentre mirtilli, lamponi, pompelmi e kiwi sono antiossidanti e ricchi di vitamina C. Tra le verdure meglio preferire quelle a foglia verde: spinaci, broccoli, carciofi, ma anche asparagi e finocchi. Largo alle proteine vegetali fornite dai legumi; tra quelle animali privilegiare carni bianche e pesce azzurro. Per condire meglio lasciar perdere il burro e utilizzare esclusivamente olio extravergine di oliva, insaporendo magari con qualche goccia di limone, aceto, erbe aromatiche, aglio e cipolla.

 

 

Fondamentale poi assicurare all’organismo una sufficiente idratazione. Bere un’adeguata quantità d’acqua – almeno 1 litro e mezzo al giorno – è l’ABC della depurazione: è proprio l’acqua infatti il mezzo indispensabile per trasportare le tossine all’interno del corpo e quindi eliminarle attraverso gli organi emuntori – fegato, intestino, reni, pelle e polmoni.

5 1 vota
Article Rating
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti